Cosa facciamo

La ricerca sulle piccole scuole si pone come principale finalità, in coerenza con la mission dell’Indire, quella di promuovere l’adozione di modelli di didattica innovativa in scuole dalle dimensioni ridotte e caratterizzate da un posizionamento territoriale svantaggiato. La ricerca, che trova particolare interesse nell’impiego delle nuove tecnologie, si focalizza su una tipologia di assetto educativo più marginale per quanto molto diffuso nel nostro Paese data la sua conformazione geografica: le scuole organizzate in pluriclassi e quelle con un numero esiguo di studenti, che non possono funzionare efficacemente senza specifiche soluzioni tecnologiche e relative organizzazioni didattiche in termini di spazio e tempo di realizzazione della mediazione educativa.

Per sostenere la permanenza della scuola in territori geograficamente svantaggiati, mantenere la sua funzione di presidio educativo e culturale e contrastare il fenomeno dello spopolamento, l’Indire ha negli anni supportato diverse scuole delle piccole isole e delle zone montane italiane avviando la sperimentazione di modalità di lavoro condiviso grazie a Internet e a sistemi di videoconferenza; le reti così create hanno permesso di superare l’isolamento geografico, di collegare classi con pochi alunni e di sviluppare percorsi formativi basati sull’uso delle nuove tecnologie.
Attualmente l’Indire, grazie anche ai progetti in affidamento e alle collaborazioni nazionali e internazionali, punta a rafforzare una rete nazionale di piccole scuole attraverso la quale fornire un adeguato supporto alle classi delle piccole scuole perché possano operare in un ambiente sociale più aperto e dinamico possibile. Allo stesso tempo, l’Istituto mira ad avviare un percorso di valorizzazione delle professionalità secondo un modello di innovazione che, in modo capillare e sulla base di modelli condivisi ed esperienze consolidate, si sviluppa e si estende a partire dal basso.

La ricerca individua, infatti, nella formazione docenti la dimensione principale su cui investire per dare un supporto a questo tipo di scuole, soggette ad un elevato turnover degli insegnanti, con particolare attenzione ai contenuti didattici e al set tecnologico funzionale ai modelli da sperimentare e per i quali favorire l’adozione.

Al fine di portare a sistema l’innovazione, Indire propone un Repertorio di Professionalità sperimentale, volto a garantire un percorso di sostenibilità e di ricaduta su larga scala. I docenti ed i professionisti che entreranno a far parte di questo “repertorio” potranno essere chiamati dai territori di riferimento e costituire un importante volano per la diffusione dell’innovazione, basato su interventi nelle scuole e sulla documentazione delle pratiche proposte e portate in classe.

Il progetto di ricerca “Piccole Scuole” dal 2016 è stato ammesso a finanziamento nell’ambito del Programma Operativo Nazionale plurifondo (2014IT05M2OP001) “Per la scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020, a valere sull’Asse I “Investire nelle competenze, nell’istruzione e nell’apprendimento permanente” ed ha potuto mettere a sistema alcune azioni al fine di costruire un percorso con tutta la comunità aderente al Movimento.

 

Time-line della Ricerca

2016 – Identificazione delle dimensioni culturali della piccola scuola

  • Analisi del fenomeno “piccola scuola”
  • Individuazione delle dimensioni didattiche caratterizzanti
  • Individuazione delle condizioni tecnologiche adeguate ai metodi didattici

2017 – Consolidamento con studi di caso

  • Approfondimento delle attribuzioni al concetto di “piccola scuola”
  • Studi di caso: validazione di modelli e approcci per la gestione della pluriclasse
  • Selezione di modelli didattici replicabili

2018 – Individuazione dei metodi su cui formare i docenti delle Piccole Scuole

  • Messa a punto del modello formativo dei laboratori adulti
  • Identificazione del profilo tutor delle piccole scuole
  • Ideazione di un Repertorio di Professionalità
  • Promozione di accordi nazionali e internazionali
  • Avvio di un’analisi statistica per ricostruire il profilo di piccola scuola.

2019 – Formazione e accompagnamento verso il repertorio di professionalità

  • Avvio della formazione nazionale dei docenti delle Piccole Scuole
  • Realizzazione e pubblicazione dei Quaderni delle Piccole Scuole
  • Identificazione della piccola scuola italiana a livello di dimensione numerica e di localizzazione territoriale

Accordi di rete nazionali ed internazionali

L’Indire ha attivato accordi di rete nazionali con i principali soggetti che ruotano intorno alle azioni di governance e di sostegno per le piccole scuole e collaborazioni internazionali finalizzate a individuare possibili confronti con realtà simili e a studiare modelli che arricchiscono e migliorano le attività di community e di co-progettazione tra le scuole.

    • Accordo Indire – CEFRIO
      L’accordo con il CEFRIO (Centre facilitant la recherche et l’innovation dans res organisations, à l’aide des technologies de l’information et de la communication) e La Commission scolaire du Fleuve et des Lacs, Ministère de l’éducation et de l’enseignement supérieur del QUEBEC ha per oggetto lo studio del modello ÉER adottato per la messa in rete delle piccole scuole del Québec e la sua declinazione e sperimentazione per le piccole scuole italiane.

 

    • Partecipazione di Indire a ENRD
      La rete ENRD (Rete Europea per lo Sviluppo Rurale) funge da piattaforma per lo scambio delle informazioni sul funzionamento concreto delle politiche, dei programmi, dei progetti e delle altre iniziative di sviluppo rurale e su come questi possano essere migliorati per conseguire dei risultati. Nell’ambito della Rete, INDIRE fa parte del Gruppo Tematico sugli Smart Villages, che esplora in che modo i servizi rurali attinenti alla salute, al lavoro, all’educazione, all’energia, alla mobilità e ad altre tematiche, possano essere migliorati e resi maggiormente sostenibili.

 

    • Accordo Indire-ANCI
      L’accordo Indire-ANCI ha per oggetto l’individuazione di forme di collaborazione tra le Parti e per la realizzazione di iniziative congiunte, finalizzate a contribuire alla migliore attuazione del Piano per l’istruzione destinato alle aree rurali e montane, previsto dalla legge n. 158/2017.

 

    • Accordo Indire-Rete scolastica delle Madonie
      L’accordo con la Rete scolastica delle Madonie prevede lo svolgimento di attività di ricerca e di formazione/coaching. L’accordo, oltre alla la diffusione dei modelli didattici innovativi per le piccole scuole, prevede anche l’avvio, secondo la modalità di co-progettazione partecipata con i ricercatori Indire, di una sperimentazione di curricolo verticale in grado di integrare il territorio nel percorso scolastico, innovando in termini di skills e di modalità didattiche.

 

    • Accordo Indire-USR Abruzzo
      Il protocollo d’Intesa con USR Abruzzo è finalizzato a promuovere lo sviluppo e la diffusione di processi di innovazione metodologica nonché la trasformazione degli ambienti di apprendimento nelle “piccole scuole” della regione. Il Protocollo estende le azioni del Progetto Piccole Scuole nelle aree interne dell’Abruzzo, con attenzione a quelle in cui risulta già siglato l’Accordo di Programma Quadro.

 

    • Accordo Indire – Istituto Omnicomprensivo G. Spataro di “Gissi”
      L’accordo con l’Istituto Omnicomprensivo “G. Spataro” di Gissi (CHIETI), una scuola “piccola” con 19 plessi scolastici distribuiti sul territorio, è finalizzato alla valorizzazione e al trasferimento del metodo “Ambiente di apprendimento allargato”. L’accordo vuole sostenere la gestione della didattica ICT migliorando le pratiche di inclusione e di valorizzazione delle pluriclassi tramite la valorizzazione della competenza docente nelle aree interne.